Uovo di Pasqua gusto sale nero di Cipro

marina-carlo-ruiz-zafon

Sono stati giorni intensi: Pasqua, 25 aprile, bioparchi, uffici di collocamento, sole e diluvi universali…sono stata tutto fuorché una brava blogger, lo riconosco, mea culpa, mea grandissima culpa ma non mi sono mai fermata, col fisico e con l’immaginazione! Avrei voluto scrivere tante cose ma, un po’ per la mancanza di tempo e un po’ per il ritorno di un istinto primordiale al letargo da animaletto “puccioso”, le mie pagine cibernetiche sono rimaste in standby, per troppo tempo e decisamente me ne pento! Proprio per questo oggi, per rimediare alle mie mancanze, vi “regalo” due libri; bella roba, si potrebbe dire, però alla fine è ciò che faccio qui, nulla di nuovo, per quanto  forse vi abbia annoiato fin troppo…chi mi ama mi segua altrimenti vi sorrido ugualmente 😀 una bella faccia happy per tutti voi!

Credo seriamente di aver messo a dura prova le capacità di sopportazione dei miei amici e forse proprio per questo Vanni, dolce metà della mia amata Nucci (come siamo cccciovani con tutti questi nomignoli), mi ha sommerso di romanzi nella speranza di destabilizzare il mio spirito organizzativo nonché tenacia e costanza nel mio percorso letterario. Ciò nonostante, dall’apertura del mio ovetto, ho fatto fuori due libri, decisamente discordanti rispetto ai miei gusti tradizionali ed è questo il lato che ho apprezzato di più: la possibilità di immergermi in mondi a me sconosciuti e sentirmi arricchita, cresciuta, la mia valigia si è fatta più pesante e qui non esiste Ryanair che possa provvedere.

Una delle mie principali peculiarità (e difetto allo stesso tempo) è la costante ricerca di una seconda faccia, di un lato nascosto o semplicemente più profondo; questo significa che non mi accontento mai di ciò che appare, sarebbe troppo facile per me fermarmi lì a ciò che è scritto, mostrato, detto o sentito. Io devo cercare e questo è senza alcun dubbio dato da una deformazione professionale con origini molto antiche: quando ero piccina i miei genitori, ogni volta che mi veniva fatto un regalo, organizzavano una caccia al tesoro che mi ha permesso di trasformarmi da piccola esploratrice di divani e piante domestiche a edificatrice di enormi castelli mentali. Tutta questa premessa per dire che, per quanto “Marina” di Carlos Ruiz Zafon e “Buona Apocalisse a tutti!” di Terry Pratchett e Neil Gaiman siano due letture decisamente all’opposto l’una dall’altra per stile, tematiche e provenienza geografica, io vi ho trovato il mio solito filo rosso d’Arianna. Si parla di integrità, della forza e al tempo stesso della debolezza insita nella natura dell’uomo: si parte da considerazioni sui massimi sistemi, il male contro il bene, Inferi e Paradiso, la corruzione dell’uomo che tenta di superare la limitatezza che lo caratterizza, la nostra volontà di oltrepassare i limiti, ma alla fine è la semplicità a fare da padrona. Non è Belzebù a lottare contro il Metatron ma un bambino di undici anni che decide di disobbedire al proprio padre, non è il Signor Kolvenik a compiere orrori sulla carne umana per sconfiggere la morte ma Oscar che realizza che essa esiste ed è ineffabile. La complessità dell’universo è all’interno dell’uomo, nella sua quotidianità, nelle sue scelte ed esperienze e, come è impossibile controllare il moto delle stelle o del sistema solare, così è nostro compito rinunciare alla gravosa impresa di trovare una soluzione a ciò che ci accade. Bisogna vivere e basta insomma, indirizzare il nostro destino laddove è possibile senza opporci a ciò che è più grande di noi.

Io, per quanto mi riguarda, prometto di non fare più assenze così prolungate nella speranza che mi si possa perdonare questa volta! La giustificazione è che sono un’eterna bambina e dovevo riprendermi dall’impegnativa ricerca del coniglio di Pasqua, sfuggente animale antipatico 🙂

buona_apocalisse_a_tutti

Annunci

16 pensieri su “Uovo di Pasqua gusto sale nero di Cipro

  1. eheheh, ma certo che sei perdonata! (da me, perlomeno…) Ogni tanto la ricerca del coniglio (che sia di Pasqua, oppure no) va fatta. Dunque l’assenza è necessaria…
    Non conosco i libri che hai trattato qui. Forse li metterò nella lista di quelli da leggere, anche se ora sono alle prese con i romanzi rosa, guidato da un’amica che me li dà da leggere…
    Buona giornata! 🙂

  2. Bentornata tesoro!
    Quando l’assenza porta in un secondo momento alla stesura di un articolo così bello è assolutamente perdonata 😉
    Non conosco i due romanzi, quindi finiscono direttamente in lista per futuri acquisti ❤

    Un grande abbraccio "stritoloso e puccioso" XD

  3. ben tornata! anche a me le vacanze pasquali hanno messo addosso pigrizia e pucciosità .. e invece domani anch’io riprendo il tran tran ufficio di collocamento & agenzie per il lavoro … comunque “Buona apocalisse a tutti” mi stuzzica già dal titolo 🙂

    • E’ particolare come romanzo, lo stile non è assolutamente quello tradizionale ma si legge piacevolmente!
      Per quanto riguarda il tran tran mi dispiace che tu mi faccia compagnia, non auguro a nessuno le 6 ore passate in fila all’ufficio di collocamento per poi venire liquidata in due nanosecondi!! Apriamo tutti un chioschetto al mare e vendiamo arance vi va?

  4. Bentornata.
    Di Zafon ho letto tutto praticamente. E’ un autore che amo molto.
    Un misto tra fantasia e realtà. A volte horror e romanticismo insieme.
    Baci e ti aspetto nel mio ultimo post!!!
    Luna

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...